Convivenze tra persone dello stesso sesso; Diritto Matrimoniale; Responsabilità medica; Responsabilità Bancaria; Guida in stato di Ebbrezza; Violenza sessuale

I tribunale precorrono il Legislatore: il Tribunale dei Minori di Roma, con sentenza del 30.12.2015, consente l’adozione di un minore in una coppia di omosessuali donne;

Il Tribunale di Reggio Emilia, con sentenza n.315/2016 riconosce il diritto al risarcimento del danno parentale, che definisce come:  “Quel danno che va oltre il crudo dolore che la morte in sè di una persona cara provoca nei prossimi congiunti che le sopravvivono, concretandosi nel vuoto costituito dal non potere più godere della presenza e del rapporto con chi è venuto meno, nel non potere più fare ciò che per anni si faceva e perciò nell’irrimediabile distruzione di un sistema di vita basato sull’affettività, sulla condivisione, sulla rassicurante quotidianità dei rapporti familiari.” al convivente dello stesso sesso;

In materia di diritto di famiglia, interessante la sentenza della Cassazione n.23973/2015, secondo cui, laddove il padre scopra che la figlia non è sua, nulla le deve a titolo di mantenimento;

In caso di decesso del coniuge separato, all’altro coniuge, al quale non sia stata addebitata la separazione, spetta il diritto di abitazione nella casa già familiare (Cass.22456/2014);

PENALE:

Per configurare il reato di guida in stato di ebbrezza, non è sufficiente la prova del superamento dei limiti imposti dalla legge per l’assunzione di bevande alcoliche o sostanze stupefacenti, ma va dimostrato lo stato di alterazione indotto da queste sostanze,  che abbia influito sulla condotta di guida  (Cass.Pen., 7899/2016);

Il reato di maltrattamenti in famiglia si può configurare anche nella convivenza more uxorio (Cass.Pen.8401/2016);

Risponde l’infermiere professionale  se ignora il funzionamento delle apparecchiature mediche (Cass. Pen., 2541/2016);

Integra il reato di violenza sessuale anche il palpeggiamento delle natiche (Cass.Pen.,5515/2016); il caso riguardava un automobilista che poneva in essere questo comportamento nei confronti di una vigilessa, con condimento di pesanti allusioni a sfondo sessuale.

MALATTIE PROFESSIONALI

Qualora l’ente abbia omesso di adottare i dispositivi di sicurezza, risponde del danno, anche se è stato assolto in sede penale (Cass.lav.2326/2016).

RESPONSABILITA’BANCA

Per l’istituto di credito è sufficiente avere consegnato il contratto per avere assolto l’obbligo di informativa (Tribunale di Mantova,  sentenza 16.02.2016).

RESPONSABILITA’ PER PRODOTTO DIFETTOSO

La responsabilità per danno da prodotto difettoso è presunta, non oggettiva (Cass.3258/2016).

RISARCIMENTO PER DANNO DA MOLESTIE SESSUALI

E’ stato condannato a risarcire 200.000 Euro il molestatore che aveva commesso il fatto quando la vittima aveva nove anni. Poi quest’ultima aveva rimosso dalla memoria  gli abusi subiti, che ha poi invece ricordato all’età di ventiquattro anni (Cass.4899/2016).

Phone: tel. 045-8105028, cell. 339-3269166
Fax: fax. 045-8196100
Verona
Via Pietro Sgulmero